Presentazione

Perchè questo viaggio nel vocabolario dell'etica?
Fin da ragazzo mi è sempre piaciuto scorrazzare nel vocabolario: italiano, latino, di altre lingue, alla ricerca del significato delle parole, dei sinonimi, dei contrari. Sono convinto che si tratti di una bella avventura perché così si entra nel cuore di un linguaggio e, quindi, anche di una civiltà. Vorrei allora avventurarmi con voi nel vocabolario dell'etica e, in particolare, dell'etica pubblica. Oggi infatti si parla molto di etica, di etica pubblica; gli storici dicono che quanto più una società è carente di moralità pubblica, tanto più se ne parla. Non a caso le grandi epoche di riflessione sull'etica sono state le grandi epoche di transizione, in cui si verificavano pure molti episodi di corruzione. Durante i passaggi delle civiltà, mentre venivano meno alcune certezze, la gente si smarriva e ciascuno faceva un po' ciò che voleva, difendendo gli interessi privati o di gruppo fino al crimine. In tempi simili, si ritorna sull'etica pubblica proprio per trovare delle norme a cui ispirare il proprio comportamento civile è il costume sociale. Oggi dunque si parla molto di queste cose e vengono di moda vocaboli di cui non si sa bene il significato. Non intendo, in questa sede, fare un trattato di morale; mi limiterò semplicemente a cercare con voi il significato di qualcuna delle parole-chiave che occorrono allorché bisogna dare giudizi corretti su comportamenti amministrativi, sociali, politici, quando cioè sono in gioco le nostre responsabilità verso la collettività. Vorremmo esplorare due tipi di parole. Alcune sono un po' come sigle, che si usano spesso pur se pochi ne sanno precisare il significato: etica, morale, coscienza, responsabilità, bene comune, diritto. Altre sono parole di cui crediamo di sapere il senso, ma sulle quali in pratica si hanno idee diverse: penso a parole come onestà (ad esempio, che cos'è l'onestà di un politico?), trasparenza, sincerità, lealtà verso le istituzioni. Mi pare che stiamo vivendo una stagione propizia per tali chiarimenti. L'avventura linguistica potrebbe perciò diventare anche avventura dello spirito. Purché la si corra con la mentalità giusta: quella di un sano ottimismo etico.

Viaggio nel vocabolario dell'etica

© 2012 - www.WebEthics.net